Crea sito

Sapone fatto in casa = Procedimento

Prima di leggere questa sezione mi raccomando di leggervi la sezione “intro” nella qual troverete le fondamentali REGOLE DI SICUREZZA!!!

Cerchiamo ora di descrivere il procedimento realizzativo, in diverse fasi:

FASE 1= PREPARARE GLI OLII E LA SOLUZIONE SODA-ACQUA

dopo aver pesato gli olii (per sapere dosi e ricette leggete la sezione INTRO) metterli dentro alla pentola e iniziare a scaldarli fino alla temperatura di 45 °C circa. per farlo mettete la pentola a scaldare a fuoco bassissimo: l’olio ha una grande capacità di assorbire calore, la temperatura sale molto in fretta sen non si sta attenti

dopo aver dosato accuratamente l’acqua e la soda versate la soda nella ciotola dell’acqua (e MAI viceversa!!!) , mescolate con molta attenzione, noterete che la temperatura arriverà tranquillamente a 80 gradi, probabilmente anche di più.

come si può notare non avevo i guanti!!! purtroppo ero convinto di averli in casa, ma non li avevo ed era domenica e i ferramenta erano chiusi… così me la sono rischiata lo stesso, voi non fatelo e metteteveli!!!!! :)

quando la temperatura della soluzione soda-acqua raggiunge i 45°C è il momento di mescolarla agli olii (che anch’essi devono essere ad una temperatura pressapoco di 45 °C)

FASE 2 = MESCOLARE GLI INGREDIENTI, AGGIUNGERE GLI OLII

Come dicevo una volta che entrambi i liquidi (olii e soluzione acqua-soda) hanno raggiunto una temperatura di circa 45°C è il momento di miscelarli.

bisogna versare il contenuto dalla ciotola di acqua- soda nella pentola, e incominciare a mischiare tutto con lo sbattiuova elettrico o col frullatutto ad immersione

noterete subito un cambio di colore ed un graduale cambio di consistenza, che porterà il contenuto della pentola a raggiungere una consistenza cremosa.

per capire quando si è raggiunta la consistenza giusta (la cosidetta “fase di nastro” ) potete effettuare una prova molto semplice: passate un dito sulla superficie, se lascerete un solco significa che avete raggiunto la consistenza giusta.

questo è il momento di aggiungere tutto ciò di necessario alla profumazione/colorazione del vostro sapone: olii essenziali, ecc ecc…

ecco il risultato dopo aver aggiunto olio essenziale, cannella e buccia di arancia tritata

dopo un’ultima mescolata è il momento di riporre la crema di sapone negli stampi

FASE 3 = DISPOSIZIONE NEGLI STAMPI E PRESTAGIONATURA

bisogna disporre la crema di sapone negli stampi che avrete preparato precedentemente.

siccome una volta indurite le saponette sono difficili da estrarre, è pratica comune utilizzare stampi in silicone, quelli per fare i dolci che potete mettere anche in forno.

non si possono utilizzare stampi metallici tipo quelli in alluminio, sarebbero ottimi ma la soda caustica ancora presente reagirebbe con essi.

una volta riempiti gli stampi, dopo averli incartati, riponeteli in un fagotto di coperte di lana, affinchè mantengano il calore quanto più a lungo possibile.

infatti questo procedimento utilizza proprio il calore residuo dalla fase 1 per completare il processo di saponificazione.

bisogna lasciare gli stampi avvolti nelle coperte per almeno 2 giorni.

FASE 4 = STAGIONATURA

dopo aver aspettato due giorni estraiamo il sapone dagli stampi e tagliamoli in forme più comode.

le saponette andranno riposte in un luogo fresco, asciutto e non illuminato per almeno un mese e mezzo o anche più.


Fatal error: Call to undefined function display_cryptographp() in /membri/sensoenergia/wp-content/themes/tarski/app/templates/respond.php on line 43